App e news: come creare una rassegna personale per informarsi

fare una rassegna stampa

Nella società digitale in cui viviamo notizie e contenuti testuali ormai ci circondano. Gran parte dell’informazione passa purtroppo e per fortuna anche dai social network. Ma come fare a incanalare questo flusso di news e articoli che praticamente ci “bombarda” ogni giorno, per ottenerne il meglio o semplicemente solo quello che ci interessa e non rimanerne invece sopraffatti?

Serve organizzazione.

Serve dedicare all’informazione un momento preciso della giornata, senza fare altro contemporaneamente, e serve indirizzare tutto il flusso di news che ci interessano in un posto solo. In modo da non dover cercare ovunque, col rischio di perdere tempo e concentrazione.

Ecco quindi i servizi e le app per news che uso io per tenermi informato e leggere notizie e approfondimenti ogni giorno. Strumenti che possono esserti molto utili per la creazione di una tua rassegna personale.

app di news

Refind

Facile, puntuale e illuminante. Refind ti propone ogni giorno dieci link in base ai tuoi interessi. Si può consultare sia tramite sito che tramite app e può arrivare con le letture suggerite anche via mail.
L’uso è davvero semplice: scegli i temi e le fonti che preferisci e il sistema ti proporrà ogni mattina le letture che ritiene migliori per te.  

Mi piace perché propone fonti internazionali e articoli che difficilmente potrei trovare normalmente senza perdere chissà quanto tempo passando in rassegna i siti di tutto il mondo. Inoltre di giorno in giorno puoi dare un voto alla selezione, in modo che Refind possa migliorare sempre più in base ai tuoi gusti. Se cambi idea sugli argomenti puoi modificare i tuoi interessi quando vuoi. 

Feedly

Come suggerisce già il nome dell’app, Feedly è il miglior modo per avere tutti i feed più interessanti in un unico luogo, senza dover andare a vedere ogni giorno tutte le home dei tuoi siti preferiti. Puoi scegliere le fonti da seguire per argomenti, siti/testate e feed rss, appunto. Ma non solo: puoi impostare degli alerts per le keyword che ti interessano e nella versione premium aggiungere alla tua rassegna anche feed di twitter e newsletter. 

Le news e gli articoli possono essere organizzati in raccolte diverse o in una unica che le include tutte. Inoltre su Feedly se non trovi una fonte puoi aggiungerla direttamente tu incollando il link del feed di quel sito. 

L’app ti permette anche di salvare per un secondo momento gli articoli che ti interessano. Anche se per questa funzione io preferisco usare Pocket, di cui ti parlo tra poco. 

Flipboard

Molto, ma molto, simile a Feedly. Praticamente le funzioni di Flipboard sono le stesse: anche con questa app puoi crearti delle “riviste” personalizzate scegliendo temi e fonti che più ti piacciono. La differenza principale è nell’estetica: Flipboard strizza l’occhio alle riviste cartacee. L’interfaccia è più bella e richiama proprio quella dei magazine. 

La funzione che mi piace è quella che ti permette di diventare editore di te stesso. Ovvero puoi creare riviste con i feed dei tuoi siti, in modo che altri possano seguirle e leggerle. Non solo quindi un app per leggere e tenersi aggiornati, ma anche per diffondere i propri contenuti.

Per farlo bisogno accedere alla sezione “diventa editore”, creare una rivista e inviare il feed del tuo sito/blog. Gli amministratori si prenderanno del tempo per valutare la tua richiesta e se va a buon fine poi i tuoi nuovi articoli andranno automaticamente ad alimentare quella rivista. Che a questo punto ti consiglio di far diventare pubblica, in modo che possano vederla anche gli altri utenti. 


Un altro alleato per informarsi in maniera organizzata?
Le newsletter!

Leggi anche:
Newsletter da non perdere: le migliori a cui iscriversi


Pocket

Eccomi a Pocket, come ti avevo anticipato prima. La funzione principale di quest’app è diversa rispetto a quelle di cui ti ho parlato finora. Se le altre servono a informarsi direttamente, con Pocket puoi conservare tutti gli articoli che ritieni importanti e non vuoi perdere oppure tutti quelli che vuoi leggere in un altro momento. Magari perché non riesci subito. E questa è una funzione fondamentale soprattutto per chi ha giornata frenetiche e non fa in tempo a far tutto. Un prezioso portafoglio di contenuti dunque.

Una volta dentro Pocket puoi inserire gli articoli semplicemente incollando l’url del contenuto che ti interessa. In alternativa, più comodo, scaricare l’app e l’estensione per Chrome in modo da poter condividere direttamente l’indirizzo senza fare copia e incolla e senza dover entrare necessariamente in Pocket.

Tra le tante funzioni utili, puoi archiviare, taggare, sottolineare i contenuti. Come fosse davvero un taccuino con i tuoi ritagli.

La funzione esplora ti permette invece di scoprire gli articoli migliori. Quelli più salvati e condivisi al momento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *